Dopo un quadro d'insieme dell'evoluzione (dal Big-bang ad oggi), l'impianto divulgativo di Dalla Pietra al Mouse rappresenta gli ultimi cinque milioni di anni in un percorso cronologico costituito da elementi fossili e di cultura materiale ed espresso da pannelli grafici, efficaci e semplici.

La linea guida è la cosiddetta camminata fossile di Laetoli rappresentata calpestabile sul pavimento con varie tappe cronologiche dedicate ai primi ominidi e al genere Homo (da Habilis a Sapiens moderno), fino al "Grande Balzo in avanti" del Paleolitico Superiore (Cro-Magnon), per proseguire poi con il Mesolitico, il Neolitico e la prima età dei metalli (l'Uomo del Similaun).

Il percorso evolutivo può essere chiuso da un inquadramento Geologico e Antropologico riferito al luogo in cui viene organizzata la mostra.

La rappresentazione salta volutamente il periodo "storico", cioè gli ultimi cinquemila anni (peraltro sintetizzati da un pannello apposito), e riprende per illustrare l'ultimo secolo, dedicato però non al mondo occidentale "civilizzato", ma alla preistoria ancora presente in alcune zone della terra.

L'attualità è raffigurata solo da un pannello conclusivo dedicato all'OGGI, anticipato dal segno di una brusca frenata di pneumatico, dove pochi metri prima c'erano impronte umane.

"Dalla Pietra al Mouse" propone quindici pannelli tematici, otto vetrine espositive, cinque casse marchiate con i siti di provenienza dei reperti, dieci pannelli esplicativi e circa 150 manufatti in esposizione.

L'allestimento è sobrio ma suggestivo, curato anche nelle luci e nella colonna sonora. "Dalla Pietra al Mouse" non ha carattere museale bensì divulgativo.

I manufatti esposti sono per lo più copie realizzate ad arte da esperti ed archeologi, ad eccezione di quelli etnici, che invece sono originali.

Il tutto dà rilevanza particolarmente al grande "balzo in avanti" del Paleolitico Superiore, che 40 mila anni fa ha portato in tempi rapidissimi il genere umano alla rivoluzione del pensiero simbolico, del linguaggio, dell'arte figurativa e protomusicale, dello sviluppo di tecnologie, industrie e manufatti senza precedenti.